L’eventuale conflitto di residenza fiscale delle persone fisiche tra due Stati va risolto in base a quanto contenuto nelle Convenzioni contro le doppie imposizioni (c.d. tie breaker rules).

Nel caso di trasferimento outbound in corso d’anno, qualora la Convenzione contenga la previsione del criterio del “frazionamento del periodo d’imposta” (c.d. split year), come accade per le Convenzioni sottoscritte tra l’Italia e la Svizzera o la Germania, l’assoggettamento ad imposta termina nel primo Stato (l’Italia) alla fine del giorno in cui è effettuato il cambio di domicilio e inizia nell’altro Stato (ad esempio, la Svizzera) a partire dal giorno successivo a quello in cui il cambio di domicilio è avvenuto.